Iron Fighter 2017 promosso a pieni voti

Pordenone – La 19esima edizione dell’Iron Fighter, la kermesse degli sport di combattimento organizzata dal Kombat Gym di Fiume Veneto del maestro e promoter Gianbattista Boer (sotto l’egida della Fight1), non ha tradito le attese. Un pubblico numeroso e competente ha affollato il “PalaFlora” di via Peruzza a Pordenone, impianto che l’amministrazione comunale si è impegnata a riservare alla manifestazione anche per le prossime quattro edizioni.
Per le selezioni Oktagon del K1 il croato Teo Michelic, atleta tesserato sia con il Trojan Team che dalla Kombat Gym e allenato anche dallo stesso Boer, ha vinto ai punti dopo 5 intense riprese su Marco Ronchetti, conquistando la finale italiana. Nella Mma, il match valido come selezione per Bellator è stato vinto dal romano Luca Pisciarelli sul toscano Matteo Capaccioli. Tra gli atleti del Kombat Gym ottima la prova di Silvia Pasquetti, che ha vinto il suo match di K1, e di Nicky Fidenco, che si è imposto nella mma. Sfortunata invece la serata di Nadir Businello, che, sempre nelle arti marziali miste, è scivolato male al primo impatto non riuscendo più a ribaltare la situazione. Il “PalaFlora” sarà ora teatro di un altro grande evento organizzato dal Kombat Gym. Il prossimo 28 gennaio ospiterà un grande stage di livello europeo sulla difesa personale, materia già oggetto dei corsi che la società di Boer, attraverso il maestro Devis Sist, sta svolgendo con successo a Pordenone (nella palestra delle scuole Gabelli). Nell’occasione il relatore sarà lo spagnolo Luna Martin, uno dei massimi esperti mondiali di krav maga. (Nella foto: l’organizzatore della serata, Gianbattista Boer, al centro, tra il sindaco di Pordenone Alessandro Ciriani, l’assessore allo sport Walter De Bortoli e le ring angel della serata)

Print Friendly, PDF & Email

Condividi