Trieste Science+Fiction Festival: giornata di grandi classici e personaggi straordinari

Trieste – Seconda giornata del Trieste Science+Fiction Festival dedicata ai grandi classici e a grandi artisti ma anche ad un personaggio d’eccezione, come annunciato ieri, l’astronauta Umberto Guidoni il quale introdurrà presso il Caffè Rossetti (a partire dalle ore 10) un incontro per commemorare i 50 anni del film di fantascienza più famoso e bello del Novecento, “2001: Odissea nello spazio” del maestro Kubrick.

A rendere speciale questa seconda giornata del festival di cinema fantastico più importante a livello nazionale, sarà presente Douglas Trumbull che ha curato e reso immortali con i suoi effetti speciali film-capolavoro quali “Blade Runner”, “Incontri ravvicinati del terzo tipo” e “2001”. E proprio alle ore 17, presso il teatro Miela, avrà luogo la sua masterclass cui seguirà la proiezione del film “2002: La seconda odissea (Silent runnung)” da lui diretto: un’originale opera futuristica in chiave ecologica. Da non perdere!

A partire dalle ore 14, al teatro Rossetti, partirà l’usuale kermesse European Fantastic Shorts dedicata ai cortometraggi europei in concorso per il prestigioso premio Meliés d’Argent.

Il teatro Miela, alle 20, ospita la sezione “spazio Italia” dedicata al cinema italiano di fantascienza con la visione del film “A casa loro” della regista Luna Gualano, un zombie-movie a carattere socio-politico. Infine, sempre al Miela, per quanto riguarda i grandi classici stavolta, la serata si concluderà alle 22:30 con la proiezione del cult “Barbarella” (del 1968) con la splendida Jane Fonda nei panni dell’indimenticabile eroina dello spazio, opera tratta dall’omonimo fumetto di J.C. Forest.

Daniele Benvenuti

 

Print Friendly, PDF & Email

Condividi