Aveva ucciso la fidanzata Nadia Orlando lo scorso 31 luglio, ora scrive una lettera ai genitori

Udine – I genitori di Nadia Orlando hanno ricevuto tramite gli avvocati delle parti una lettera scritta da Francesco Mazzega, l’uomo che il 31 luglio scorso uccise la giovane di Vidulis di Dignano, trasportandone il corpo in auto fino alla caserma della Polstrada di Palmanova dove si era costituito.

Al momento l’assassino è agli arresti domiciliari a casa dei genitori.

La notizia della missiva è stata diffusa dall quotidiano locale Il Messaggero Veneto di venerdì 1° dicembre, riferendo che la lettera è contenuta in una busta bianca, anonima, e che però i genitori non hanno voluto leggerla.

“Non l’ho tenuta in mano. Non l’ho ancora toccata, e non so nemmeno quando la toccherò. Non so dove la metterò”, afferma il papà di Nadia, Andrea Orlando.

“Questo è il segnale definitivo che mia, che nostra figlia, non c’è più. Dopo 120 giorni ci viene inviata una lettera: non ci sono parole. Sarà la gente a giudicare come ci possiamo sentire dopo centoventi giorni. Non posso immaginare cosa ci sia scritto. Ognuno farà le sue supposizioni”.

I familiari ritengono “doveroso” che il contenuto rimanga strettamente riservato.

Print Friendly, PDF & Email

Condividi