A Trieste pattuglie dell’Esercito a presidio di Rive, stazione e Porto Vecchio

Trieste – Da lunedì 8 luglio alcune pattuglie dell’Esercito saranno impiegate nel centro cittadino di Trieste per la prevenzione di reati predatori e contro la persona.

Come disposto in sede di Comitato Provinciale Ordine e Sicurezza Pubblica e approvato dal Dipartimento della Pubblica Sicurezza, viene attivato un contingente di 15 militari dell’Esercito per rafforzare il dispositivo di controllo coordinato del territorio.

Le pattuglie controllano persone ed autovetture lungo le Rive, da Riva Traiana fino alla zona di accesso del Porto Vecchio, per garantire la sicurezza del Porto, a supporto dell’attività della Polizia di Frontiera Marittima, oltre ad essere presenti nell’area dell’ex Silos, in largo Santos e in piazza Libertà.

I militari, coordinati dalla Sala Operativa della Questura, rafforzano il controllo del territorio garantito in via ordinaria dagli equipaggi della Polizia di Stato e dell’Arma dei Carabinieri, per aumentare il contrasto a reati predatori e contro la persona, in aree del centro cittadino dove di recente si sono verificati episodi che hanno destato particolare preoccupazione nell’opinione pubblica.

I militari, rivestendo la qualifica di “Agenti di P.S.” nell’ambito dell’operazione “Strade sicure”, potranno operare anche autonomamente per l’attività di prevenzione, mentre nel caso fosse necessario svolgere attività di polizia giudiziaria l’intervento verrà supportato dagli equipaggi delle Forze dell’Ordine.

 

 

Print Friendly, PDF & Email

Condividi