Allerta meteo per piogge intense e temporali. Fulmini sul cimitero di Palmanova: incendiati cipressi

Palmanova (Ud) – La Protezione Civile del Friuli Venezia Giulia ha diffuso un’allerta per condizioni meteo avverse fino a mercoledì 7 giugno. La regione infatti è attraversata da un fronte atlantico associato ad un flusso di correnti meridionali molto umide ed instabili.

La situazione è caratterizzata da nuvolosità variabile con piogge in genere intermittenti da abbondanti ad intense e temporali diffusi, localmente anche forti.

Violenti temporali si sono abbattuti dalla tarda mattinata di martedì in particolare tra le province di Udine e Pordenone, causando numerosi allagamenti in particolare nel Codroipese e nella Bassa Friulana tra Pavia di Udine e Mortegliano.

Diverse strade di viabilità secondaria si sono trasformate in corsi d’acqua e alcuni sottopassaggi sono stati chiusi al traffico. Nonostante le forti precipitazioni la situazione è invece nella norma a Udine.

I vigili del fuoco hanno già effettuato una quindicina di interventi quasi tutti per allagamenti. Altrettanti ne hanno ancora in corso in diverse aree della provincia.

In particolare i vigili del fuoco del distaccamento di Cervignano del Friuli (Ud) sono intervenuti la mattina di martedì per alcuni fulmini che hanno colpito il cimitero austroungarico a Palmanova incendiando alcune piante di cipressi.

Nel corso della giornata di martedì sono caduti in Friuli Venezia Giulia oltre 120 millilitri di pioggia.

La linea temporalesca ha interessato per diverse ore gran parte delle zone di pianura e costa della Regione.

Il record di precipitazioni si è registrato nella frazione di Sant Andrat del Cormor di Talmassons che in sei ore ha visto cadere 129,6 millilitri di piogge.

Le zone più colpite sono state la provincia di Pordenone e la Bassa friulana dove nelle ultime tre ore sono caduti 83 millimetri a San Vito al Tagliamento (Pordenone), 74.2 a Ponte Delizia a Valvasone (Pordenone) e 67.8 a Pantianicco di Mereto di Tomba (Udine).

Le forti piogge hanno causato allagamenti di strade, sottopassi e scantinati per cui sono stati attivati dalla protezione civile regionale 101 volontari con 37 automezzi.

A seguito del maltempo il Nue 112 ha ricevuto e ricevuto e smistato alle Sale Operative dei Vigili del Fuoco 228 chiamate a partire da mezzogiorno.

Per le prossime ore sono previsti ancora temporali sparsi dalla costa alle Prealpi con piogge intermittenti, da abbondanti a intense. L’instabilità è prevista in attenuazione nella seconda parte della notte.

La Protezione civile regionale prosegue il monitoraggio del territorio con sopralluoghi dei tecnici sui punti più critici. Operativo anche il personale tecnico del Consorzio di Bonifica Pianura Friulana e del Servizio Viabilità regionale.

I fenomeni sono previsti in attenuazione mercoledì, in cui ci sarà cielo variabile con la possibilità di isolati rovesci residui e temporali.

Print Friendly, PDF & Email

Condividi