Festival di Arte e Robotica al teatro Miela

Trieste – Una due giorni al Miela di Mi&Lab che spazia dal teatro all’arte sotto il comune denominatore della scienza.

Robotics2/Anteprima è un articolato evento che si svolgerà nell’arco della giornata di giovedì 6. Un’anticipazione/promozione di quanto accadrà nel novembre del 2018, cioè il nuovo Festival di Arte e Robotica promosso dal Gruppo78 e annunciato durante la conferenza stampa della mattina.

Il festival si pone come progetto pilota perché in Italia Arte, Scienza e Robotica è una tematica ancora poca esplorata. Sarà uno dei pochi esempi di tentativo di focalizzazione nei riguardi di questi argomenti e aspira a divenire un punto di riferimento in Italia e all’estero per queste tematiche.

Curato da Maria Campitelli, presidente del Gruppo78 con la collaborazione di Valentino Catricalà, curatore di PoetronicArt, ospiterà un rassegna cinematografica di fantascienza curata da Daniele Terzoli della Cappella Underground di Trieste, una rassegna di video-art nello specifico settore della robotica, esplorando backstage e laboratori, a cura di Martin Romeo, prevedendo il coinvolgimento delle scuole e …molteplici altri aspetti.

Nel pomeriggio a partire dalle ore 17.30 tra lo spazio bar e il “ ridottino” del Teatro Miela si realizzerà una vera e propria  anteprima concentrata del Festival stesso con  la fantastica esposizione di robot in azione degli sloveni Borut Savski e Stefan Doepner del collettivo Cirkulacjia 2 di Lubiana, affiancati dal gruppo Mittelab di Trieste, con le video proiezioni di artisti internazionali e una proiezione immersiva dal titolo “…of the Totality of Space…” di Elisa Zurlo e Lucia Flego, ovvero la ricerca di uno spazio infinito, dove il pensiero (e quindi il cervello) si identifica con lo spazio.

Ci sarà anche una mostra fotografica tratta dai frame del video promozionale creato per questa occasione da alcuni artisti del Gruppo78 e precisamente: Fabiola Faidiga, Paola Pisani, Guillermo Giampietro, Lucio Perini ,Elisa Zurlo.

A seguire sul palco del teatro alle ore 19.00 il reading di Sara Alzetta che racconterà di “molecole letterarie” ovvero quanto la scienza novecentesca abbia stravolto le lettere e alle 20.30 l’esplosione sono-visiva e performativa di “Bhara Tech” new media art di Kaartik un video realizzato da IEOIE, luminescence live set di Alexey Grankowsky , performance di Kaartik. In questa occasione sarà utilizzato per la prima volta a Trieste uno schermo olografico, dai favolosi effetti cromo-spaziali.

Il costo del biglietto per i due spettacoli sarà di 5 euro.

Il 7 dicembre, al Teatro Miela presenta  l’innovativo e divertente lavoro teatrale e di divulgazione scientifica Topi da laboratorio ideato dal gruppo di scienziati e ricerc/attori della neonata e omonima compagnia e prodotto da Bonawentura.

Alle ore 21.00 Topi da laboratorio di e con: Sofia Rossi, Lorenzo Pizzuti, Thomas Gasparetto, Daniele Tenze, Luca Grisanti e Riccardo Cucini. Supervisione artistica di  Stefano Dongetti.
“Topi da laboratorio” è il titolo dello spettacolo e anche il nome della compagnia formata da un gruppo di giovani scienziati appassionati di divulgazione scientifica con diversi background scientifici ed esperienze nell’ambito della divulgazione.

Lo spettacolo riguarda un ipotetico viaggio tra la terra e lo spazio, di alcuni topi in fuga da un laboratorio e affronta vari temi e argomenti, attraverso i punti di vista di diverse discipline scientifiche. Lo scopo, oltre alla trasmissione di concetti scientifici al pubblico, è anche quello di cercare di esplorare nuove forme di divulgazione scientifica, che possano contaminarsi col teatro e col cabaret.  Promo: https://youtu.be/DxQiLw1-FJ4

Il costo del biglietto è di 10 euro ed è acquistabile tutti i giorni dalle 17 alle 19 presso la biglietteria del teatro Miela oppure su vivaticket.

Info: www.miela.it

Print Friendly, PDF & Email

Condividi