Rugby Udine, la pausa natalizia per ricompattare il gruppo

Udine – Un’altra prestazione da dimenticare per la Union Udine. Una Tarvisium non trascendentale passa al “Gerli” approfittando di una formazione bianconera in grandi difficoltà con una rosa ridotta all’osso, che ha potuto opporre solo l’orgoglio e poco altro. La pausa natalizia sarà provvidenziale per svuotare l’infermeria e ricompattare il gruppo.
La cronaca
La partita è da subito vivace e la Union sembra in palla. I bianconeri creano numerose azioni multifase e concretizzano al 12′ con Ciprian, che rompe due placcaggi e plana in meta consentendo una comoda trasformazione di Tarantola. La replica della Tarvisium arriva dopo pochi minuti: dopo una lunga azione con alternanza di avanti e trequarti arriva un calcetto rasoterra in area che Viotto schiaccia e subito dopo è Bordini che plana in meta approfittando di un buco preso da un suo compagno di reparto in prossimità di un raggruppamento. La prima frazione si chiude poi con una doppietta di Tarantola dalla piazzola e con un piazzato di Viotto che porta il parziale a 13 a 15.
La ripresa inizia bene per i bianconeri che segnano con Balzi imbeccato da Flynn, poi però per la Union cala il sipario e la Tarviusium da il via al suo monologo. Dal ventesimo della ripresa si giocano mischie no contest perché Udine resta senza prime linee. Arrivano altre due mete, entrambe segnate con due belle giocate della linea arretrata ospite, e due piazzati che consentono ai trevigiani di aggiudicarsi il match conquistando 5 punti pieni.
Il commento
“E’ una stagione difficile, difficilissima – spiega il direttore sportivo Luca De Paoli – è difficile anche trovare stimoli, vista la mancanza di retrocessioni. In ogni caso la società sta già lavorando in prospettiva e i giocatori ne devono essere consapevoli. Stiamo costruendo la rosa per il prossimo anno e nei restanti mesi prenderemo le decisioni definitive e metteremo insieme gli ultimi tasselli, valutando in primis la serietà, la professionalità degli atleti dentro e fuori dal campo e il loro attaccamento a questo club”.

Print Friendly, PDF & Email

Condividi