Scialpinisti carinziani a Sella Nevea scivolano per 300 metri, salvati dal CNSAS

Sella Nevea (Ud) – Miracolati due scialpinisti carinziani scivolati sulla neve ghiacciata per trecento metri nel tardo pomeriggio di domenica 12 gennaio: hanno riportato fratture agli arti.

Sono stati recuperati in un intervento notturno dal Soccorso Alpino di Cave del Predil assieme ai soccorritori della Guardia di Finanza – quindici uomini in tutto – assieme ad altri due scialpinisti che erano con loro, un uomo e una donna, illesi.

L’incidente è avvenuto nella zona compresa tra il Poviz e l’arrivo degli impianti Funifor, nei canali ghiacciati che costellano l’ultimo tratto.

Era pronto a partire anche l’elicottero militare UH205 del 5° Reggimento AVES “Rigel” di Casarsa della Delizia, l’unico autorizzato al volo notturno in ambiente impervio e alpino: sarebbe stata la seconda occasione in pochi giorni.

Fondamentale la collaborazione di Promoturismo FVG che ha tenuto gli impianti aperti oltre l’orario di chiusura e quella di un gattista del Soccorso Alpino che li ha notati e ha raggiunto per primo la donna, che era riuscita a superare il tratto difficile e un uomo, bloccato su un traverso ghiacciato.

Print Friendly, PDF & Email

Condividi