Soccorsi i tre alpinisti bloccati sulle Alpi Giulie dal maltempo: condizioni di recupero critiche

Tarvisio (Ud) – Sono in corso di svolgimento le operazioni di recupero dei tre alpinisti veneti che erano rimasti bloccati dal pomeriggio di domenica 18 novembre sulla Cima Strugova, una montagna del Gruppo del Mangart nelle Alpi Giulie Occidentali nella zona di Tarvisio (Ud).

Il gruppo aveva programmato di effettuare la via Kugy alla Strugova, un percorso di 500 metri di dislivello e 1500 metri di sviluppo e di scendere per un’altra via, ma è stato sorpreso dal buio e dalla neve.

Gli alpinisti hanno allertato il soccorso alpino. I tecnici del Cnsas già nella serata di domenica avevano provato a raggiungerli passando per il versante sloveno e il bivacco Brusettini.

Purtroppo l’intervento non è riuscito e i tre hanno passato la notte all’addiaccio, restando comunque in contatto telefonico con i soccorsi per tutta la notte.

L’intervento si è subito prospettato assai complicato a causa del maltempo. Da domenica sera sulla zona ha iniziato a nevicare e la visibilità è ridotta dalla nubi basse; le temperature sono scese attorno ai -10 gradi. Il maltempo impedisce anche l’uso dell’elicottero.

Nella mattinata di lunedì le operazioni sono riprese. Al soccorso in corso prendono parte anche i tecnici della Guardia di Finanza di Sella Nevea e Cave del Predil.

L’équipe dei soccorritori ha raggiunto gli sfortunati escursionisti intorno alle dieci di lunedì, dopo tre ore di cammino lungo la cresta delle Ponze, li ha rifocillati e ha iniziato lentamente il rientro lungo la stessa cresta.

I tecnici li hanno legati con la corda e li hanno accompagnati con molta cautela lungo la cresta affilata e resa insidiosa dalla presenza del vetrato, il sottile strato di ghiaccio che si forma direttamente sulla roccia e che si nasconde sotto la neve.

Si tratta di un intervento tra i più difficili degli ultimi vent’anni effettuati dalla stazione di Cave del Predil, ha riferito il capostazione di Cave del Predil che controlla le operazioni dal campo base.

Print Friendly, PDF & Email

Condividi