“Lieve” con il Trio Aratos al Ridotto del Verdi a Trieste

Trieste – Ultimo concerto “Lieve”, il nuovo ciclo di concerti al Ridotto del Verdi ideato dalla Società dei Concerti per dare uno sguardo su una nuova, interessante generazione di musicisti, che si terrà lunedì 19 novembre alle 20.30.
Suonerà, in collaborazione con il Festival musicale internazionale Nei Suoni Dei Luoghi, che seleziona i migliori giovani talenti provenienti dalle accademie di Italia, Austria e Balcani e con la Facoltà di Musica dell’Università delle Arti di Belgrado.
Il Trio Aratos, uno dei pochi ensemble stabili di clarinetto, violino e pianoforte, organico a cui sono stati dedicati alcuni capolavori della modernità.

Al clarinetto Mlhailo Samoran, al violino Katarina Popović e al pianoforte Vanja Šćepanovi, per un concerto che mette insieme l’Ungheria di Bela Bartok, l’America di Schickele, l’Armenia di Arutiunian e l’Italia di Menotti. Alle 19.00, prima dell’evento, è in programma una lezione concerto del Maestro Enrico Bronzi
Trii dalla diversa concezione formale e tutti ascrivibili al Novecento, per una parabola etnomusicologica dai tratti distintivi e contemporanei. Di Bartok Contrasti, di Schickele Serenata per tre danze, di Arutiunian Suite per trio, infine di Menotti Trio per violino, clarinetto e pianoforte.

A concepire questo programma di chiara ispirazione folklorica, proiettata in una dimensione ora colta ed ora popolare, è proprio l’Aratos Trio, una formazione la cui vocazione è la diffusione di repertori musicali per questo organico, non così frequente. Tutti professionisti usciti brillantemente dal Conservatorio e dalla Facoltà di Musica dell’Università di Belgrado, sono particolarmente apprezzati e richiesti per l’esecuzione di composizioni del XX e XXI secolo. Molto noto in Serbia, l’Aratos Trio è spesso invitato ad esibirsi in sale, teatri e festival nelle maggiori città europee.

I biglietti sono acquistabili la sera del concerto presso la sala del ridotto ”Victor de Sabata” e on-line su www.societàdeiconcerti.it.

Print Friendly, PDF & Email

Condividi